Se volete divertirvi cantando il nostro coro fa per voi!!!!!!!!!! Contattateci per entrare a far parte del nostro fantastico gruppo!!!!

…ma arriveranno le vacanze???

PDFStampaE-mail

…ma arriveranno le vacanze???

E’ questa la domanda che si pongono i componenti del “Coro dell’Antica Città”, M° Torreggiani in primis!
Il 2011 si sta rivelando, infatti,  un anno molto impegnativo, ma altrettanto ricco di soddisfazioni, per il “Coro dell’Antica Città” guidato dal M° Tommaso Torreggiani.
Dopo il grande e lungo lavoro svolto per la preparazione dell’Oratorio per soli, coro e orchestra “La ritirata di Mosè dall’Egitto e i suoi sponsali con Sefora” del compositore ostrense V. De Grandis eseguito, dopo 300 anni di oblio, lo scorso 26 Marzo ad Ostra

 

Vincenzo de Grandis 3

PDFStampaE-mail

L’Oratorio di Vincenzo De’ Grandis “La ritirata di Mosè dalla corte d’Egitto e suoi sponsali con Sefora”

L'Orchestra Filarmonica Marchigiana all'interno della basilica di Santa Croce

Ostra-Sabato sera nella splendida cornice della Basilica di Santa Croce si è tenuta la prima rappresentazione dell’Oratorio di Vincenzo De’ Grandis “La ritirata di Mosè dalla corte d’Egitto e suoi sponsali con Sefora”. L’Oratorio era stato scritto e musicato per il duca Francesco II d’ Este nel 1684. Il De’ Grandis era all’epoca un musicista apprezzato e ricercato. Nato a Montalboddo (l’antico nome di Ostra), ha prodotto una scrittura musicale

 

Vincenzo de Grandis 2

PDFStampaE-mail

Ostra: in scena l'Esodo di Mosè del De' Grandis: un 'matrimonio' tra storia e arte che ha unito una città

Dopo quasi un anno di studi e ricerche, e dopo aver recuperato e trascritto l’antico manoscritto contenente la partitura dell’oratorio “La ritirata di Mosè dall’Egitto e i suoi sponsali con Sefora”, scritto dal musicista ostrense Vincenzo De’ Grandis nel 1684, sabato sera, nella splendida cornice della Basilica di Santa Croce in Ostra (dove il musicista, tra l’altro, è sepolto), dopo più di 300 anni è stata eseguita la composizione, di fronte ad un folto ed attentissimo pubblico che ha accolto l’esibizione con un lungo e caloroso applauso.
Hanno contribuito alla splendida serata l’orchestra filarmonica marchigiana con circa quaranta musicisti, un coro di cinquanta elementi (formato dalle due corali polifoniche di Ostra, dirette dai Maestri Tommaso Torreggiani e Paolo Pucci), cinque solisti (Roberto Ripesi di Ostra, che ha curato personalmente anche il recupero e la trascrizione del manoscritto, i soprano Stefania Donzelli, Valentina Morelli, il tenore Enrico Giovagnoli e

   

“Coro dell’Antica Città” …

PDFStampaE-mail

“Coro dell’Antica Città” …

Quando mi è stato chiesto di preparare una pagina che presentasse il “Coro dell’Antica Città” alle nuove famiglie e lo “ricordasse” alle vecchie avevo iniziato a scrivere il classico articolo formale e generico, dando per scontato che il lettore avrebbe scorso velocemente le righe per poi passare oltre : “ Va be’, la solita solfa sul Coro, i concerti, i corsi della scuola MusiCanto….”
Invece no!
Molti di voi sapranno che a Casine esiste un Coro, magari perchè

 

Vincenzo de Grandis 1

PDFStampaE-mail

 

Mercoledì 23 marzo, al Teatro "La Vittoria" di Ostra, si è tenuta la prima serata dedicata a Vincenzo De’ Grandis, nell’ambito del progetto "D’opera in opera, ritratto di una Città", finanziato dalla Provincia di Ancona – Cohabitat-Genius Loci.
La serata, pensata come occasione per condividere con il pubblico il percorso di studio e approfondimento effettuato sul musicista, nato a Montalboddo nel 1631, e per offrire alcuni strumenti di lettura del testo e della partitura musicale, così da consentire un pieno godimento dell’esecuzione, ha visto come protagonisti il maestro Roberto Ripesi e la prof.ssa Valentina Morelli, il prof. Andrea Zepponi e la prof.ssa Anna Indipendente.
L’intervento introduttivo è stato affidato all’Assessore alla Cultura, dott.ssa Federica Fanesi, che ha ricordato l’idea che ha ispirato e sostenuto il progetto, cioè il desiderio di recuperare alla memoria collettiva frammenti della storia di Ostra, sconosciuti ai più, e non soltanto episodi e vicende, ma anche personaggi illustri, il cui ricordo spesso è affidato soltanto alla toponomastica.
Questo percorso di recupero è partito con il musicista e compositore Vincenzo De’ Grandis: maestro di cappella presso varie corti d’Italia e d’Europa, ha al suo attivo diverse composizioni di musica sacra e profana, pienamente barocca, per i virtuosismi vocali e la dinamica composizione delle varie voci, che si sovrappongono e

   

Altri articoli...

Pagina 3 di 4

<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Succ. > Fine >>